Poste non acquisterà altri Bonus edilizi. E ora?

1 Aprile 2022
Poste italiane non acquisterà altri Bonus edilizi relativi a spese agevolate, sostenute nel 2021.
Questa notizia ha messo in allarme tutto il comparto, poiché Poste è stato fino a poco tempo fa uno dei maggiori, se non il maggiore referente per la cessione dei crediti.
I giornali e i periodici di settore si sono soffermati a lungo sul tema e molti amministratori di condominio e proprietari di appartamenti hanno temuto di perdere i benefici previsti.
Tuttavia, se siete tra i molti che hanno avviato la pratica di cessione dei Bonus edilizi con l’ente Poste, non allarmatevi: una soluzione si può trovare.

Quali sono le possibili soluzioni dato che Poste non acquisterà altri bonus?

Se riceverete la lettera con cui Poste comunica che rifiuta la vostra proposta di cessione dei crediti potrete muovervi su tre fronti:
✅ scegliere un altro cessionario
✅fruire della prima rata della detrazione
✅cedere le rate residue
Dato che Poste non acquisterà altri Bonus edilizi, potreste avere bisogno di altre informazioni sulla cessione dei crediti.
Se volete più chiarimenti, chiamateci in studio, senza impegno, ai numeri 011-54.78.04, 0173-36.17.14
La dottoressa Antonella Roletti è intervenuta in qualità di relatrice in diversi convegni sul tema e potrà risolvere i vostri dubbi.
Se invece volete avere più informazioni su come ottenere il Superbonus cliccate qui

Articoli collegati

ARTICOLI RECENTI

Bonus trasporti, come ottenerlo

Dalla fine di luglio è possibile iscrivere al Registro delle Opposizioni anche i numeri di cellulare e così dire basta alle telefonate moleste

Controlli Superbonus: 47 certificazioni da mostrare

Ecco alcune informazioni utili per chi ha deciso di portare i benefici del Superbonus 110% in detrazione nella dichiarazione dei redditi: l’elenco dei 47 documenti da conservare in caso di controlli.

Caos Superbonus: i rischi per imprese e contribuenti

Il platfond messo a disposizione dal Governo per il superbonus 110% è stato superato di oltre 400 milioni di euro. Ora a rischio le imprese e i contribuenti che, se i lavori non venissero completati, potrebbero dover restituire allo Stato quanto già incassato